La Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’Ambiente | Stoccolma 1972

  • 3 min read

La Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’Ambiente | Stoccolma 1972

La comunicazione ambientale è un progetto di informazione inerente tutte le tematiche e problematiche ambientali (ad esempio inquinamento, effetto serra, abbandono di rifiuti e tutela dell’ecosistema) che prevede la collaborazione di enti governativi (vari organi istituzionali), enti educativi (scuole ed università) e aziende specializzate nel settore ambientale ai fini di sensibilizzare maggiormente la popolazione sui problemi dell’ambiente e a spingerla a cercare in tutti i modi di condurre uno stile di vita sano per l’ambiente (ad esempio ridurre al massimo gli sprechi, riciclare correttamente i rifiuti differenziandoli) nonché mantenerla informata, coinvolta e in grado di valutare le operazioni che vengono compiute ai fini della tutela dell’ambiente.

Uno dei passi più importanti in questo settore è stato compiuto negli anni Settanta. Infatti è proprio in quel periodo che inizia ad emergere la consapevolezza della necessità di tutelare al meglio l’ambiente attraverso la collaborazione e la pianificazione di interventi mirati a salvaguardare le risorse naturali. In questo periodo oltre 100 nazioni si incontrano a Stoccolma, in Svezia, per elaborare un piano di azione che sia salvaguardasse l’ambiente, sia i diritti dell’uomo in merito alla qualità della sua vita, e quindi alla necessità di vivere in un ambiente il più possibile sano. Si tratta di una conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente, che porterà anche all’elaborazione di 26 principi di tutela dei diritti dell’uomo e dell’ambiente. Tra i più importanti di questi principi si ritrovano il diritto per tutti gli esseri umani, uguali tra di loro e liberi, di vivere in condizioni di vita adeguate al loro livello di salute; il dovere di proteggere e salvaguardare tutte le risorse naturali, non solo allo scopo di garantire uno stile di vita confortevole per la generazione attuale, ma anche con lo scopo di garantire un ambiente pulito e risorse anche alle generazioni future. Infine un altro principio importante stabilisce la necessità di garantire un ruolo fondamentale all’interno dei principi legislativi ed economici, alla conservazione della natura. Si tratta di un traguardo particolarmente rilevante, in quanto le problematiche ambientali non devono più essere considerate, da quel momento, un problema di competenza esclusiva degli esperti del settore: tutti devono fare la loro parte, dai cittadini alle grandi imprese. Da quel momento nessuno deve ignorare quelle che sono questioni che vanno oltre i rapporti giuridici ed economici: la necessità di vivere in un ambiente sano. Questo significa che, ad esempio, non si verrà più a creare una realtà in cui i centri di ricerca si preoccupano della tutela dell’ambiente e le multinazionali si preoccupano unicamente di produrre per il mercato. Da quel momento, anche una multinazionale (ad esempio) ha il dovere di elaborare i migliori piani per garantire la tutela delle risorse naturali e salvaguardare il più possibile l’ambiente, anche in vista delle generazioni future.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.