Cos’è Periscope? Come funziona?

  • 3 min read

Cos’è Periscope? Come funziona?

Periscope è l’ennesima success story: un’intuizione geniale, è stata ideata per caso partendo da un’esigenza specifica e soprattutto da una domanda: “E se fosse possibile vedere il mondo con gli occhi di qualcun altro?”.

Nel 2013, due amici in viaggio per il mondo si sentirono profondamente insoddisfatti della cronaca che trovarono su Twitter riguardo un evento importante come è stata la rivolta anti-governativa di Piazza Taksim a Istanbul. Ed ecco che svilupparono l’idea che sarebbe loro poi fruttata 100 milioni di dollari: perchè non dare alla gente uno strumento per vedere cosa succede nel mondo, in tempo reale? Perchè limitarsi alle parole quando là fuori c’è un mondo di immagini, colori e azioni da condividere?

Due anni dopo quell’intuizione è una realtà: si chiama Periscope, e effettivamente permette di vedere il mondo attraverso gli occhi – pardon, attraverso la videocamera dello smartphone – di un altro.

L’idea è tanto semplice quanto geniale: Periscope è un’app per Android e iOs che permette di diffondere video live. Strano che nessuno ci abbia mai pensato prima: in un mondo di condivisione esasperata di contenuti, dove l’ideologia dello “sharing is caring” la fa da padrona, perchè ci siamo sempre limitati a diffodere banali foto, status, tweets?
L’app è gratuita ed è stata recentemente acquistata da Twitter: ha superato i 10 milioni di utenti e si stimano 40 anni di video visti giornalmente.

Un boom sicuramente inaspettato, ma da un lato anche prevedibile: è come fare entrare nella nostra vita quotidiana una specie di Grande Fratello, che a comando diffonde pubblicamente video-frammenti della nostra esistenza.

Il funzionamento è semplicissimo: si scarica l’app, si crea un account (o si usa il proprio account di Twitter) e si possono da subito vedere gli streaming di altri utenti sulla “lista globale”: cliccando so un utente attivo si entra nella casa, nell’ufficio, nell’auto di una persona a decine di migliaia di kilometri di distanza.

Si possono ovviamente anche seguire degli utenti, per avere un feed dei loro live, oppure visualizzare i video sui profili Twitter degli utenti da noi seguiti. Per iniziare ad essere i registi della nostra vita, una piccola icona, inoltre, permette di inziare una diretta personale, indicando un titolo e scegliendo l’opzione di condivisione pubblica o privata.

Sicuramente questa è un’ulteriore evoluzione del social networking, e ha il potenziale per creare un nuovo trend e prodotti simili ma sempre più sofisticati. La domanda è ora: siete pronti a prendervi i vostri quindici minuti di celebrità e a fare entrare migliaia di stranieri nella vostra vita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.