Promuovere una comunicazione etica, corretta e sostenibile per aumentare l’efficacia del proprio messaggio.

  • 3 min read

Viviamo in un’epoca dove siamo continuamente in comunicazione tra noi, e riceviamo continui input anche dalla comunicazione del marketing. La comunicazione unisce aziende e clienti, creando un circolo di invii di messaggi e ritorni di feedback. Nel corso del tempo, si sono sviluppati vari movimenti per i diritti dei consumatori e dell’ambiente, rendendo le persone sempre più attente ai metodi di creazione dei messaggi del marketing e alla veridicità della pubblicità. Una comunicazione davvero efficace, deve quindi attenersi a criteri di etica, correttezza e sostenibilità ambientale. La nostra mente tende a non associare l’etica con la comunicazione: la persuasione spesso non è valutata positivamente, specie quando risulta ambigua. In realtà, la comunicazione può anche essere etica, sia in termini interni che esterni all’azienda. Bisogna interfacciarsi con i propri collaboratori perseguendo valori etici, e quindi favorendo lo sviluppo di un ambiente di lavoro in cui l’elemento umano sia privilegiato. Questo significa rispettare i diritti dei lavoratori, concedendo tempi di lavoro giusti e una remunerazione adeguata. Per quanto riguarda la comunicazione all’esterno, essa è definibile come etica quando non vengono ferite o offese determinate categorie di persone: questo implica anche una responsabilità personale di chi opera nel settore della comunicazione, con particolare riguardo ai valori che vengono trasmessi. Inoltre, la comunicazione può essere declinata in uno strumento di etica sociale, come a volte accade con alcune campagne pubblicitarie che tendono a promuovere determinati valori o stili di vita. In secondo luogo, la comunicazione dev’essere corretta e rispettare i diritti dei consumatori. Capita infatti che le aziende mettano in atto una comunicazione ingannevole, ma ciò comporta solo conseguenze negative, rappresentate da sanzioni e perdita di clienti; ecco perché è importante agire correttamente, rispettando i principi dell’etica e dello sviluppo sostenibile. Ma la comunicazione per essere efficace, deve essere corretta anche dal punto di vista tecnico e concettuale, attuando strategie adatte al proprio mercato e utilizzando strumenti idonei. La comunicazione dovrebbe poi essere sostenibile, ossia soddisfare le esigenze attuali dell’azienda tutelando contemporaneamente le generazioni future e le loro possibilità di scelta e di soddisfacimento dei bisogni. Il rispetto dell’ambiente è attualmente una valore di primaria importanza: la comunicazione efficace ha un basso impatto su di esso, sia nella fase di lavorazione che in quella di fruizione da parte degli utenti. Risulta quindi fondamentale razionalizzare le proprie scelte comunicative, e questo è possibile tramite uno studio dei comportamenti dei propri clienti per anticiparne i bisogni e l’uso dei giusti media per trasmettere i propri messaggi solo al proprio mercato di riferimento, evitando inutili sprechi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.